UNA CUCINA PER I RAGAZZI DI KYDA

Il progetto cucina viene avviato da TUgende a inizio 2018 con l’obiettivo di dotare l’associazione KYDA di uno spazio dove i ragazzi possano cucinare e conservare le provviste.
Uno spazio cucina risulterebbe migliorativo sia da un punto di vista igienico che economico: attualmente i ragazzi cucinano a terra con un fornelletto ad alto consumo di carbone che pesa sulle casse dell’associazione.
Prima di avviare il progetto preliminare, TUgende ha tenuto un workshop della durata di due giorni con i ragazzi di KYDA, durante il quale sono stati messi al corrente della scelta di costruire uno spazio cucina e sono stati coinvolti in un momento di confronto su quali fossero le esigenze che questo luogo avrebbe dovuto soddisfare.

Il progetto prevede la realizzazione di una nuova struttura prospiciente le aule dormitorio dell’associazione che ospiti: una cisterna per la raccolta dell’acqua che andrà a servire le attività della cucina; una stanza in cui verrà posizionata una stufa che consuma poco carbone grazie al massimo sfruttamento dell’inerzia termica dei materiali di cui è costituita e ad un sistema di aerazione della camera di combustione che diffonde il calore equamente sulle superfici riscaldanti, permettendo di avere più pentole contemporaneamente sul fuoco; un luogo adibito al lavaggio delle stoviglie; una stanza adibita a dispensa; ed infine un luogo dove i ragazzi possano mangiare tutti insieme all’aperto ma protetti dal sole e dalla pioggia. 

La costruzione si compone di due elementi: un podio e una grande copertura in lamiera sorretta da una struttura metallica. Appoggiate sul podio e al riparo sotto la copertura ci sono le stanze della cucina, del magazzino e lo spazio della cisterna.

Il podio rialza le stanze da terra, garantendo il livellamento del terreno e impedendo che che le forti precipitazioni possano raggiungere gli ambienti interni durante la stagione delle piogge. La copertura  funge da piano per la raccolta dell’acqua piovana, utile per cucinare e l’irrigazione dell’orto e protegge le stanze dalla pioggia e dal caldo garantendo una adeguata climatizzazione dei locali grazie ad un’altezza considerevole tra la muratura ed il piano d’imposta della copertura.

Le stanze sono delimitate da muri fatti di mattoni cotti in forni della zona e poi intonacati. L’uso di mattonelle forate a cerare delle gelosie e la foratura della muratura garantisce luce e una corretta ventilazione all’interno dei locali.

Le opere di costruzione, stimate intorno ad un valore di 10.000 euro verranno affidate a carpentieri e muratori locali mentre la stufa sarà realizzata da un artigiano specializzato.